Il tuo browser non supporta JavaScript!

Risultati della ricerca

L’esposizione del luogo «super hanc petram» nelle Lettioni sopra dogmi (1584) di Francesco Panigarola: un capitolo nella storia dell’esegesi cattolica in età controriformistica novitàdigital
formato: Articolo | RIVISTA DI STORIA DELLA CHIESA IN ITALIA - 2017 - 2
Anno: 2017
On the occasion of Lent 1582, the Franciscan Minor Francesco Panigarola held in Turin a series of «lettioni sopra dogmi» against the doctrines contained in Calvin’s Institutio christianae religionis...
Scarica
L’affetto di Eugenio IV. Riforma e anatomia di un Capitolo cattedrale (Padova, 1430-1439) digital
formato: Articolo | RIVISTA DI STORIA DELLA CHIESA IN ITALIA - 2011 - 2
Anno: 2011
Dopo la conquista veneziana di Padova, 17 novembre 1405, il locale Capitolo cattedrale piombò nel caos totale. L’offerta liturgica era ridotta, la cattedrale stessa fatiscente, i poteri e i diritti del Capitolo compromessi e i canonici padovani furono rimpiazzati entro il 1410 con canonici principalmente imposti dai conquistatori veneziani. La condotta dei canonici non era ineccepibile, e il complesso e bilanciato meccanismo di Capitolo e cattedrale subì un’involuzione che toccò il suo punto più basso intorno al 1420-1430. In un periodo caratterizzato da eventi internazionali quali i concili di Basilea, Ferrara e Firenze e da problemi locali quali l’esplosione di congiure antiveneziane e l’infi erire della peste, il vescovo veneziano di Padova Pietro Donà, d’intesa con i canonici e con il papa veneziano Eugenio IV Condulmer, mise mano a una radicale riforma del Capitolo cattedrale di Padova. Queste innovazioni, duramente discusse negli anni Trenta del secolo, confl uirono nel 1439 in una bolla, sottoscritta da Eugenio IV, nota come Ex Apostolice. Essa rappresentò la sintesi normativa di una laboriosa decade di riforme e la chiave istituzionale per un “nuovo” Capitolo cattedrale. La meticolosa descrizione anatomica del Capitolo padovano offerta dalla Ex apostolice rimarrà valida almeno sino al concilio di Trento e darà stabilità al consesso canonicale nei secoli successivi. In Appendice è pubblicato criticamente l’importante documento pontifi cio, sinora inedito. After the Venetian conquest of Padua on 17 November 1405, the local cathedral Chapter sank into total chaos. The liturgical celebrations were reduced, the cathedral itself was crumbling, the chapter’s powers and rights were compromised, and the Paduan canons were replaced by 1410 with canons imposed mainly by the Venetian conquerors. The canons’ conduct was not unexceptionable and the complex balancing mechanism of Chapter and cathedral experienced an involution which reached its nadir only around 1420-1430. In a period marked by such international events as the Council of Basel-Ferrara-Florence, by such local problems as the explosion of anti- Venetian conspiracies and the spread of plague, Pietro Donà, the Venetian bishop of Padua, in accord with the canons and with the Venetian pope Eugenius IV Condulmer, tackled a wide-ranging reform of Padua’s cathedral Chapter. These innovations, hardly discussed during the 1430’s, led already in 1439 to a bull undersigned by Eugenius IV, known as Ex apostolice. It represented the normative synthesis of a laborious reformist decade and the institutional key for a “new” cathedral Chapter. The meticulous anatomical description of Paduan Chapter, provided by Ex apostolice, will remain valid at least until the Council of Trent and will give stability to Padua’s cathedral Chapter over the following centuries. The important pontifi cal document, hitherto unpublished, is edited critically in Appendix.
Scarica

Affina la ricerca