Il tuo browser non supporta JavaScript!

Daniela Sora

Libri dell'autore

Diessbach a Milano digital
formato: Articolo | RIVISTA DI STORIA DELLA CHIESA IN ITALIA - 2013 - 1
Anno: 2013
Nel giugno 1785 la visitandina francese Marie Eugénie de Bayanne, deputata all’insegnamento del francese alle educande del monastero della Visitazione di Milano, chiese alla curia di poter ottenere come direttore spirituale l’ex-gesuita Nikolaus Diessbach, noto per essere il fondatore delle Amicizie cristiane. La richiesta venne rifi utata dall’arcivescovo Filippo Visconti che si rivolse al governo per avere un supporto in senso contrario all’istanza. La vicenda mostra un timore crescente che attorno al Diessbach si fosse costituita una rete di rapporti di alto livello, nascosta e potenzialmente “pericolosa”. La posizione più conciliante assunta infine da Giuseppe II è da ascriversi all’importanza del ruolo della monaca. La vicenda, ignorata dalla bibliografi a su Diessbach, aggiunge una tessera al complesso quadro politico-religioso della Milano di fi ne XVIII secolo. In June 1785 the French nun Marie Eugénie de Bayanne, who was a French teacher in the school of the Visitation nunnery of Saint Sofi a in Milan, asked for Nickolaus Diessbach, ex-Jesuit and founder of Amicizie cristiane, as spiritual director. Archbishop Filippo Visconti refused and turned to the Government to receive some help against that instance. This affair shows the growing fear that around Diessbach it existed a web of different high level relationships, hidden and potentially “dangerous”. The fi nal and more conciliatory attitude of Emperor Joseph II is due to the importance of the nun’s role. This event, ignored by the bibliography about Diessbach, adds a new element to the wide political and religious context of Milan at the end of XVIII century.
€ 6,00